Siracusa non si ferma, dopo la sosta forzata dovuta al coronavirus  arriva una spinta propulsiva alle iniziative turistiche  quello di cui la città aveva bisogno per rilanciare il turismo e l’economia.

Il centro storico della città comincia riscaldare i motori, arrivano i turisti, le case vacanze cominciano ad avere i tanto desiderati ospiti, le spiagge brulicano di presenze.

In  questa visione di ripresa  nella prima settimana di luglio e per  tutto il weekend sono stati organizzati  percorsi di visita guidata gratuita, con  biglietto  di ingresso, se  previsto, ma gratuito per bambini,  importanti eventi in collaborazione con l’Associazione regionale guide turistiche di Sicilia,  per scoprire il patrimonio artistico e culturale della città.

Nel fine settimana  grazie all’iniziativa «Ortigia Happy Hour» è stato possibile scoprire i caratteristici vicoli di Ortigia, patrimonio  inestimabile di capolavori d’arte e cultura popolare ascoltare la loro storia e le loro tradizioni  millenarie, per tuffarsi infine nel meraviglioso  centro storico di Ortigia. Serena Intagliata guida molto apprezzata  ha catturato l’attenzione dei visitatori, permettendo a ciascuno di  sentirsi dentro la storia  ed esserne il protagonista. E’ stato un evento importante che ha permesso di riscoprire i luoghi meno conosciuti delle città,  luoghi spesso  considerati  secondari  rispetto ai grandi monumenti, ma altrettanto preziosi e importanti perché ricchi di storia ,di cultura, di tradizioni.

Tra templi greci, chiese cristiane, strade arabe e importanti palazzi antichi,  i visitatori sono stati proiettati tra realtà e leggenda, in un viaggio unico nel suo genere,  dal periodo greco-romano a quello arabo-bizantino, dall’epoca spagnola a quella borbonica, attraverso i più bei monumenti della città. La visita iniziata davanti al  Tempio di Apollo  si è conclusa alla mitica Fontana  Aretusa, luogo mitico che  rimarrà sicuramente nella memoria di chi ha deciso  di visitare la nostra terra. Le visite  mattutine sono state  fruibili  dai visitatori, quelle in orario  pomeridiano, erano  riservate ai titolari di strutture ricettive.  Per non deludere gli appassionati di archeologia è stato organizzato  un  «Tour alternativo alla Neapolis – “Viaggio nella Siracusa Greca”»  sia per visitare i monumenti classici del sito e per ammirare la bellezza  dei monumenti archeologici che ci rappresentano nel mondo.

 

 

 

 

 

 

Condividi: