Restrizioni a parte, gli incivili non vanno mai in vacanza. Il fine settimana diventa “liberi tutti”: liberi di bere, di incontrarsi, di fare assembramento, di essere anche incivili. Perché il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Guardando i luoghi di incontro vicino i punti di ristoro, soprattutto la zona della Marina e del Foro Vittorio Emanuele II, in Ortigia, ci si rende conto dell’inciviltà degli avventori.

I cestini per la raccolta differenziata sono sparsi per tutta la zona ma qualcuno forse pensa che siano per ornamento e non vuole sporcarli, conferendo all’interno bicchieri, bottiglie, lattine e molto altro. Lo spettacolo che si presenta agli occhi dei mattinieri che alle prime ore dell’alba già sono in Ortigia è orrendo: sulle panchine campeggiano resti di aperitivi, bottiglie di birra lasciate a metà, bottiglie di spumante che rotolano per terra, cocci di vetro sparsi per la strada a riprova dell’inciviltà di chi non è abituato a rispettare le regole.

Eppure le telecamere abbondano lungo il Foro Italico, si possono usare per risalire agli autori di simili gesti?

Quale spettacolo viene offerto ai turisti? E’ questo ciò che Siracusa è in grado di offrire?

Qualcuno preferisce girarsi dall’altra parte e lasciare che gli operatori ecologici svolgano il loro lavoro. Peccato che nel contratto non ci sia scritto “pulire ciò cha lasciano gli incivili”.

L’amministrazione comunale ha varato un piano “pulisci-aperitivi”?

Vogliamo rendere pulita la nostra città? Collaboriamo attivamente, altrimenti sarà solo un miraggio vederla pulita.

Condividi: