La cerimonia si è svolta negli spazi antistanti la sede dell’AVIS  Comunale di Siracusa di via Von Platen. Durante la cerimonia come stabilito dal Regolamento Avis Nazionale (art. 5), sono stati  assegnati dei riconoscimenti ai donatori che hanno raggiungono determinati “traguardi” in termini di anni di iscrizione all’associazione e di numero di donazioni. Un traguardo di solidarietà  che trova per tanti volontari come sostenuto dal presidente Robert Fortuna  e di alcuni membri del direttivo una piacevole soddisfazione che scaturisce dal compiere un atto di solidarietà a favore della collettività. Dopo un anno e mezzo durante il quale l Avis e i donatori non si sono mai fermati si torna in presenza  per dire grazie ai volontari donatori, che anche durante il periodo del covid hanno dato prova di esserci e di credere in questo atto d’amore e di generosità , come sostenuto anche dal presidente regionale Mandarà, presente alla cerimonia, che ha sottolineato l’importanza di non fermarsi, sebbene i numeri delle donazioni continuano a crescere , per poter essere pronti ed avere sempre maggiore disponibilità di sangue in caso di necessità

L’ Avis di Siracusa continua  a crescere e ad essere in prima linea per sensibilizzare la popolazione. e  lo fa aderendo ad iniziative solidali, con la formazione, con il senso di appartenenza alla grande famiglia avisina, per assicurare il  fabbisogno giornaliero di sangue a coloro che si trovano in situazione di necessità trasfusionale.  La serata  dopo la consegna delle benemerenze è continuata con musica Karaoke e con un buffet offerto dall’associazione. E’ stata una serata  vissuta in modo gioioso dai partecipanti che si sono ritrovati a testimoniare il loro senso di appartenenza all’Avis  nel rispetto delle norme di sicurezza covid 19. Il componenti del direttivo hanno rinnovato la gratitudine a tutti coloro che compiono periodicamente il bellissimo e indispensabile gesto della donazione. Donare è un gesto semplice , gratuito , ma non scontato che in pochi minuti può cambiare  la vita ad una persona.

Sosteneva don Puglisi :“Non fermiamoci a pensare ad un mondo  migliore in   cui credere… –attiviamoci per crearlo.

Condividi: